Danni da maskne? Ecco come prevenirli

Quando si frequentano posti pubblici o ambienti in cui non è possibile rispettare il distanziamento sociale, è obbligatorio l’utilizzo della mascherina. Da oltre un anno ormai abbiamo imparato a convivere con questo dispositivo di protezione, che riduce i rischi di contagio.

Purtroppo però la mascherina ha degli effetti negativi sulla pelle, soprattutto se indossata per un lungo periodo di tempo. L’uso prolungato della mascherina, che sfrega ed occlude il viso impedendo una corretta respirazione, ha dato vita ad un nuovo disturbo: la maskne. Il neologismo nasce dal termine “mask” (mascherina) ed acne. In questo articolo insieme a Mavis Srl che commercializza delle efficaci mascherine prodotte in Italia, vedremo esattamente cos’è la maskne e quali sono i rimedi per contrastarla.

Quali sono i danni provocati dalla mascherina sulla pelle?

Recentemente è stato pubblicato su Forbes uno studio condotto da un team di dermatologi statunitensi della University of Huddersfield’s Institute of Skin Integrity and Infection Prevention, secondo il quale le mascherine esercitano un’azione occlusiva sulla pelle. Altri fattori che favoriscono la formazione di irritazioni sono la pressione e lo sfregamento sulle zone di contatto.

In pratica la mascherina impedisce il corretto respiro e causa una notevole umidificazione della pelle, condizione che favorisce la comparsa di funghi. L’occlusione determina anche un accumulo di sebo e sporco che crea un habitat ideale per la formazione di acne.

Lo sfregamento e la pressione erodono la barriera protettiva cutanea, causando desquamazioni ed arrossamenti della pelle. Nelle persone con pelle mista o grassa la comparsa di brufoli è quindi più probabile.

Anche togliersi e mettersi la mascherina di continuo determina una notevole produzione di sebo, soprattutto se le mani sono sporche e non igienizzate correttamente.

Accorgimenti utili in campo estetico

La pelle è già particolarmente stressata da tanti fattori come tensioni quotidiane, sole, vento, pioggia, freddo ecc., quindi è opportuno proteggerla dall’azione occlusiva della mascherina.

Innanzitutto è consigliabile usare prodotti di dermocosmesi delicati, indicati soprattutto per chi ha la pelle sensibile. In commercio ad esempio esistono fondotinta che rispettano in pH della pelle e, contemporaneamente, non sporcano le mascherine.

In particolare per innalzare le difese protettive della pelle è opportuno usare prodotti a base di salicilico e retinolo, che purificano e rigenerano la pelle danneggiata. Via libera anche alle maschere di argilla, una soluzione naturale e benefica, almeno una volta a settimana

Come utilizzare correttamente la mascherina?

La mascherina deve aderire perfettamente al viso, coprendo per intero naso e bocca, senza essere troppo rigida per evitare sfregamenti eccessivi.

L’utilizzo del make-up è sconsigliato quando si indossa la mascherina. In particolare sono da evitare fondotinta coprenti e cremosi, che impediscono alla pelle di respirare e favoriscono la sudorazione, condizioni che causano la formazione di germi e microrganismi.

In conclusione bisogna sempre prendersi cura della propria pelle, utilizzando sostanze emollienti e idratanti naturali che riducono gli effetti della maskne.

Comments

comments